Un articolo apparso sul numero del 16 marzo 2008

de “ La Vita Diocesana” periodico della Diocesi di Noto


Sito web a Porto Alegre (Brasile)

Il Beato Antonio di Avola e Noto

detto l’Etiope o ‘de Categerò’

www.categero.org.br



«Se WWW indica, nel particolare tipo di linguaggio cui Internet ci sta ormai abituando, una possibilità di comunicazione pressoché illimitata [la sigla sta per World Wide Web, cioè Rete vasta quanto il mondo], quel divino “Io sono la Via, la Verità e la Vita (Gv 14,6) evoca, con le sue tre VVV, la rete evangelica vasta quanto il mondo» (Graziano Borgonovo).

In merito mi è gradito segnalare i due devozionali siti web netini…fuori Diocesi :

araldosancorrado.blogspot.com curato a Calendasco piacentino da Umberto Battini, che diffonde notizie e aggiornamenti sul santo eremita Corrado Confalonieri patrono di Noto;

www.categero.org.br curato a Porto Alegre (Brasile) da Vanderlei Pinheiro, director do Jornal Correiro Brigadiano, promotore della «Devoçao a Categerò».

Il Beato Antonio, detto l’Etiope o di Categerò (per la sua origine africana) è nato a Barce di Cirene (Libia) verso il 1490. Rapito dai pirati, è reso schiavo domestico prima ad Avola, dove si converte al cristianesimo e frequenta la chiesa di Santa Venera; e poi a Noto, dove i suoi padroni lo rendono libero: «Non vogliamo avere per schiavo colui che Dio ha per amico».

Antonio si offre a servire i carcerati e i malati, poi sceglie la vita eremitica nel deserto dei Pizzoni a S. Corrado di fuori. Periodicamente scende a Noto per accostarsi ai sacramenti e raccogliere elemosine per i poveri. Il 14 marzo 1550 egli rende l’anima a Dio. Il suo sepolcro in S. Maria di Gesù diviene subito meta di pellegrinaggi e di grazie. Nel 1611 viene data licenza di divulgarne l’immagine con l’aureola di Beato. Nel secolo XVII l’esemplarità della sua vita viene proposta soprattutto ai negri schiavizzati in Brasile dall’Africa: là è invocato “Santo Antōnio de Categerò”.

In occasione del Convegno diocesano (Noto, 11-12 gennaio 1992) su «Accogliere gli immigrati oggi», Il B. Antonio è stato scelto come Protettore della Caritas Diocesana di Noto.

L’arca con il suo corpo si venera nella cappella delle Suore Francescane dell’Immacolata di Lipari a Noto. Nel 2005 il vescovo Giuseppe Malandrino ha donato una reliquia insigne del Beato alla Parrocchia S. Venera di Avola.

«Auspico che gli esempi di santità e di carità del fratello negro Antonio Etiope facciano rivivere l’accoglienza di ogni uomo» (Giovanni Paolo II).

Salvatore Guastella

Per approfondire

  • visita www.araldosancorrado.org
  • Questo Blog e' un prodotto amatoriale e non editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7 marzo 2001
  • Segnalate i vostri commenti, suggerimenti, idee
  • Per informazioni devozionali e storiche sul Santo Corrado potete contattare la mail penitente@alice.it
  • Usate liberamente foto e testi ricordando di segnalare il sito da dove proviene il materiale
  • L'Araldo di San Corrado è il Collegamento Devozionale Italiano dei Devoti e Fedeli del Santo piacentino morto a Noto il 19 febbraio 1351 e nato in Calendasco (Piacenza) nel 1290