XXIV TRASLAZIONE A NOTO

LE TRASLAZIONI STORICHE SONO 24

Sabato 30 luglio alla mezzanotte, quindi entrando nella notte della domenica 31 luglio di questo 2016, si terrà la Processione della XXIV Traslazione dell'Arca con dentro il corpo del Santo Patrono Corrado Confalonieri, penitente terziario francescano, che finì i suoi giorni da eremita nella grotta posta nella valle montagnosa dei Tre Pizzoni di Noto.
La Processione si snoda per circa 7 km durante tutta la notte.
L'Arca posta su una grandiosa vara è portata a spalla dai Portatori di San Corrado ed è circondata, letteralmente circondata da centinaia di cilii decorati portati a spalla dai Portatori dei Cilii Fedeli a San Corrado!
Tantissimi i fedeli a piedi nudi che percorreranno questa lenta salita dalla città al Santuario ove poi nella grotta dei Miracoli del Patrono, sarà lasciata fino al 20 di agosto l'Arca con dentro il Corpo Santo.
Praticamente è un "ritorno a casa, la casa spirituale" di S. Corrado: lì dentro appariva il Pane portato dagli angeli che S. Corrado donava ai netini e a chiunque si recasse da lui affamato!
San Corrado un uomo della Misericordia! Questa traslazione che storicamente è la 24^ è legata all'Anno Giubilare della Misericordia indetto da Papa Francesco!


San Corrado un uomo della Misericordia: chi più di lui ha goduto della Misericordia di Dio di Cristo e della Santa Vergine?
Dopo il guaio dell'incendio causato nella caccia nella pianura piacentina, tra i suoi vasti possedimenti di Calendasco dove era un ricco milite feudatario assieme a suo padre, San Corrado l'incendiario ha avuto in dono molta Misericordia donata a lui da Dio! Gli ha aperto il cuore, ha ammesso le sue malefatte, poi lui stesso è diventato dispensatore di bene, di miracoli e questo sempre grazie alla Misericordia di Dio che gli ha dato questa facoltà. San Corrado mai e poi mai ha esaltato il fatto di essere "uomo dei miracoli", anzi cercava di nascondere il fatto, sapeva che era solo per Grazia Divina!
Noto ed i netini nei secoli hanno stra-amato questo Santo Piacentino!  
San Corrado ama e amerà nei secoli la "sua" Noto riempendola di continui miracoli e di ancor più Misericordia!
San Corrado non smette mai di essere miracoloso, mai! Tanti lo sanno bene, l'hanno provato sulla loro pelle!

Umberto Battini

XXIV TRASLAZIONE 2016

SAN CORRADO 
TORNA ALLA GROTTA

A NOTO 
LA XXIV TRASLAZIONE DEL SANTO

Nella notte tra SABATO 30 LUGLIO e DOMENICA 31 a Noto si svolge la PROCESSIONE della Traslazione dell'ARCA dalla Cattedrale al Santuario fuori le mura per portare il Santo corpo del Patrono nella grotta ove visse e morì in santità!

La processione avverrà alle ore 24.00 della notte quando l'Urna sarà stata preparata sui grifoni posti sulla vara. 

Alla mattina, all'arrivo dopo la lunga nottata processionale, sulla spianata della cava di fronte all'ingresso del Santuario corradiano il vescovo di Noto mons. Antonio Staglianò celebra la santa messa! 

Il meraviglioso affresco del tardo sec. XV restaurato nella grotta
 
 E cù tuttu lù core ciamamulo! Viva San Currau!

Per approfondire

  • visita www.araldosancorrado.org
  • Questo Blog e' un prodotto amatoriale e non editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7 marzo 2001
  • Segnalate i vostri commenti, suggerimenti, idee
  • Per informazioni devozionali e storiche sul Santo Corrado potete contattare la mail penitente@alice.it
  • Usate liberamente foto e testi ricordando di segnalare il sito da dove proviene il materiale
  • L'Araldo di San Corrado è il Collegamento Devozionale Italiano dei Devoti e Fedeli del Santo piacentino morto a Noto il 19 febbraio 1351 e nato in Calendasco (Piacenza) nel 1290