A GENNAIO 2020 79.600 CLIK presto on-line il nuovo www.araldosancorrado.org BUONA LETTURA

DISCESA ARCA 2020 NOTO


D O M E N I C A  9  FEBBRAIO 2020
L'ARCA DI SAN CORRADO ESPOSTA

Nell'attesa della solennità Patronale a Noto, l'ARCA contenete il santo corpo verrà traslata dalla cappella propria all'altare maggiore della cattedrale per essere esposta alla venerazione dei fedeli.
Nel pomeriggio di domenica 9 febbraio avverrà in cattedrale questo evento religioso che a Noto è atteso e molto sentito.
La grande festa poi si svolgerà il 19 febbraio Dies Natalis di San Corrado con l'omaggio floreale e la solennissima santa messa e la processione grandiosa.


ROMA 2020



I NETINI DI ROMA
festeggeranno come sempre il
Patrono solennemente
e quest'anno saranno presenti
anche Devoti e Fedeli da Noto!

Una devozione che unisce.

I PORTATORI DELL'ARCA


LA SPINA DORSALE DELLA PROCESSIONE
I PORTATORI DELL'ARCA DI SAN CORRADO
Il loro servizio è prezioso e lodevole

di Umberto Battini
    studioso di San Corrado 




Da secoli, uomini devoti netini, portano per le vie della Città di Noto le sante spoglie del Patrono.
Un'opera che racchiude amore per San Corrado ed anche sacrificio, infatti il trasporto della grandiosa vara sulla quale è posta l'Arca comporta fatica, tensione, responsabilità che però sono attenuati dall'amore profondo verso il patrono.
La devozione è uno dei pilastri che spinge questi uomini a sopportare questa fatica responsabile, infatti le processioni hanno solitamente una durata di qualche ora perchè il Santo viene portato in trionfo - tra migliaia di fedeli - per le tante vie cittadine, quasi che San Corrado sembri bussare ad ogni porta dove è atteso con reverenza e amore.
Questi lodevoli portatori del Santo portano sulla loro pelle il segno di anni di dedizione: se avrete l'occhio attento di guardare le loro spalle, potrete scorgere il loro muscolo su cui poggia la trave della vara, grandemente deformato.
Ma per amore e lode al Patrono, per portarlo a tutta la città, si sopporta anche questo ed anzi per certi versi è un orgoglio averlo: è il segno di S. Corrado portato sulla propria pelle.
La Società dei fedeli e Portatori di S. Corrado, così come la conosciamo ai nostri giorni, venne fondata dal devoto netino sig. Paolo Bufalino, come risulta dalla documentazione, il 19 febbraio del 1947. Lo Statuto societario nel corso degli anni venne modificato e da qualche anno vige quello approvato dal vescovo attuale di Noto mons. Antonio Staglianò.
Certamente però la loro storia ha radici più antiche, che sarebbe utile e bello riportare alla luce, perchè la cassa con il corpo di S. Corrado e poi l'Arca argentea, da quel lontano 1351 viene portata a spalla in processione.
E moralmente il primo sigillo ai Portatori dell'Arca venne data proprio quel 19 febbraio del 1351, quando la cassa col santo corpo fu trasportata solennemente dalla grotta alla chiesa del Crocifisso (parliamo di Noto Antica) ed anche fu l'inizio morale dell'uso oggi consueto, dei cilii, perchè a quel tempo sappiamo che venne trasportata con un contorno di ceri ardenti.
Bisogna leggere attentamente la storia della città netina sugli aspetti devozionali al Patrono perchè possono mostrarci degli ammirevoli esempi che ancora oggi abbiamo sotto agli occhi grazie ai Portatori dell'Arca e dei Cilii e che sono la colonna portante di centinaia di anni di amore a S. Corrado.


LA VITA LA STORIA


SAN CORRADO
Non scordiamo mai le tappe principali della sua vita

Leggete, divulgate il testo e le immagini di questo articolo apparso nello scorso febbraio 2019 su ILPIACENZA

clicca qui sotto
ARTICOLO DEL 2019

LA STORIA CORRADIANA
NEL DETTAGLIO

 

CALENDARIO 2020


NOTO
PORTATORI DI SAN CORRADO 
E PORTATORI DEI CILII
I nuovi calendari per l'anno 2020

Sono in distribuzione a Noto i nuovi calendari corradiani; sicuramente fanno ormai parte di una bella tradizione che molti fedeli voglioni appendere nelle loro abitazioni.
Il calendario dedicato al Patrono accompagna per tutto l'anno le famiglie con delle speciali immagini.





foto da FB
particolare del PRESEPE esposto nel Santuario 
di S. Corrado f.m. di Noto
__________________________________________________

PRESEPE 2019


ALL'EREMO DI SAN CORRADO
UNA TRADIZIONE RINNOVATA
Una Mostra di Presepi 

foto da Facebook
Tutti abbiamo nel cuore, come fedeli, una fervida e ricca devozione a San Corrado, e ci immaginiamo nelle nostre case, un bel presepio "corradiano".
Ma spesso, ciò che la fantasia desidera non è facile da realizzare e allora si fa un presepe come si è capaci.
foto da Facebook
Quest'anno al Santuario del Patrono a Noto tutti noi devoti fedeli potremo gustare doppiamente il presepe: infatti alla grotta Santa di Gesù, del Bambinello, arriva anche San Corrado con i suoi devoti rappresentati in processione.
I Portatori dell'Arca e i Portatori dei Cilii con il gonfalone della Città di Noto ad aprire il cammino, che simbolicamente rappresentano tutta la città e tutti i devoti del mondo.
In effetti il cammino di San Corrado è un cammino verso e per il Cielo, nel segno del Vangelo e di Gesù.
E così, in una strada innevata, dalla città netina si va tutti verso il Santo Natale, verso quella capanna che ha segnato la storia del Mondo.
E così dal Santuario del Patrono - che ha una grotta santa - ci si incammina verso la Grotta Santa per eccellenza, per incontrare la Sacra Famiglia!
Al Santuario ritroveremo allora una bella e ricca mostra di presepi, realizzati con tanta arte e anche con umano amore da bravissimi presepisti della bella e ingegnosa terra netina; una tradizione che si rinnova ed anzi si arricchisce e ci arricchisce.

CENTENARIO CILII


SARA' UN EVENTO DI PORTATA STORICA 
CHE ENTRA A PIENO TITOLO NELLA 
SECOLARE DEVOZIONE DI SAN CORRADO A NOTO
 ____________________________

1620 - 2020 IV CENTENARIO 
DELLA INVENZIONE DEI CILII 

 

SITO WEB


Si sta lavorando all'aggiornamento 
e rinnovamento del sito del Patrono
www.araldosancorrado.org

Presto in rete la nuova HomePage 
con tutte le news sul Centenario dei Portatori dei CILII
l'invenzione dei cilii avvenne nel 1620

Il 2020 sarà un anno speciale per il culto e la devozione a Noto e a Calendasco




















ROMA

LA RELIQUIA DI SAN CORRADO
ROMA CHIESA S. MARIA ODIGITRIA
La chiesa detta "dei Siciliani"


Nella bella chiesa "dei Siciliani" a Roma, detta di Santa Maria di Costantinopoli o anche Odigitria, c'è la stupendissima cappella dedicata a San Corrado Confalonieri.
Nelle lunette superiori della cappella sono dipinte scene della Vita del patrono.
Furono appunto i Netini residenti a Roma che vollero questa cappella dedicata a S. Corrado.
Certamente già nel tardo '600 era presente questa devozione.
Nel 2015 i Netini donarono a questa chiesa romana la copia del dipinto che si trova nel Santuario della Valle dei Miracoli a Noto.

Ogni anno viene solennemente ricordato il Patrono che è possibile venerare anche per mezzo della Reliquia.
La devozione non ha confini e riempie di orgoglio sapere che San Corrado è amato tantissimo dai Netini residenti a Roma, che da alcuni secoli portano avanti questa venerazione. 







nella foto
la Reliquia di S. Corrado
venerata a Roma


Per approfondire

  • visita www.araldosancorrado.org
  • Questo Blog e' un prodotto amatoriale e non editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7 marzo 2001
  • Segnalate i vostri commenti, suggerimenti, idee
  • Per informazioni devozionali e storiche sul Santo Corrado potete contattare la mail penitente@alice.it
  • Usate liberamente foto e testi ricordando di segnalare il sito da dove proviene il materiale
  • L'Araldo di San Corrado è il Collegamento Devozionale Italiano dei Devoti e Fedeli del Santo piacentino morto a Noto il 19 febbraio 1351 e nato in Calendasco (Piacenza) nel 1290