NOTO UNA MOSTRA


LE OPERE PERSONALI DELL'ARTISTA
L'ARTE DI ROSARIO TUMINO
In mostra le opere prodotte tra 2017 e 2019

di Umberto Battini

Nei cosiddetti Bassi di Palazzo Ducezio (il Palazzo del Comune) e cioè nei locali dietro allo stesso prestigioso edificio circondato da uno slargo lastricato, si tiene una Mostra d'Artista significativa.

Saranno visibili le opere pittoriche realizzate da Rosario Tumino, una serie di eccellenti dipinti dei quali non pochi sono dedicati al Patrono della Città di Noto, l'Amatissimo San Corrado!
Si tratta di pitture che la buona mano pittorica di Tumino ha prodotto negli anni recenti e cioè dal 2017 ad oggi.
E' importante dire che nell'arte del pittore si palesa la sua devozione verso il Santo Protettore di Noto.
Non va scordato che nella grotta del Santuario è esposto perennemente e da Rossario Tumino donato, un bellissimo quadro dedicato al Santo e che rievoca in pochi passaggi in modo sublime tutti gli aspetti importanti della Vita e della devozione al Patrono.
Ma l'arte di Rosario Tumino non è ovviamente solo dedicata a questo aspetto devozionale: con la sua buona arte sa dipingere e mettere sulla tela anche altri gradevolissime rappresentazioni. La mano pittorica dell'artista è sicura e ben delineata, dalla costruzione dei suoi quadri si comprende che c'è una solida base di conoscenza e studio dell'arte, non siamo di fronte a improvvisazione ma tutto è ben dipinto rispettando le geometrie e la forma.
Insomma una Mostra che dona al visitatore per mezzo di questo artista locale più d'una emozione e che fa comprendere quanto sia ricca di nobile e bene espressa arte questo popolo netino, che può con sicurezza vantare in Tumino un prezioso tassello.
Bene è stato concedere questo ottimo spazio a questo evento che avrà un sicuro successo culturale!
Certamente tra i primi visitatori non mancheranno le decine di devoti delle Associazioni devozionali di Noto ed ovviamente i tanti netini che ritornano nella loro città nel periodo estivo assieme a migliaia di affascinati turisti!
La Mostra che si tiene a Noto, in pieno centro affacciata sulla maestosa cattedrale, è ad ingresso gratuito dal 20 luglio al 15 agosto 2019.


NOTO E LA SOLIDARIETA'


NEL NOME DI SAN CORRADO
LA BOTTEGA SOLIDALE
A Noto inaugurata e al servizio delle parti deboli

E' sempre il Patrono ad illuminare il cuore generoso e operoso dei netini.
Sicuramente c'è lo zampino dal Cielo di San Corrado.
Martedì 4 giugno, in una bella e soleggiatissima Noto, al piano alto, al Crocifisso, è stata ufficialmente benedetta e inaugurata la Bottega Solidale!
Qui - sotto l'egida della Caritas diocesana - con il grande sostegno di volontari, verranno distribuiti a chi ne
abbisogna, generi alimentari e non solo. Alla presenza del vescovo e del vicario generale di Noto, di sacerdoti e del sindaco della città, il locale che ospita questa benemerita opera di bene è stato benedetto e aperto.
Sicuramente un luogo denso di significato, perchè la carità, l'approccio all'altro, che sempre merita rispetto ed anche che non gli manchi il necessario, è una delle basi del sano convivere.
Noto quindi, non è solo eventi e mondanità o turismo, Noto - e la sua gente - è anche condivisione.
E' dalle piccole cose, da questi gesti, dall'impegno dei volontari e di tutti, che anche così si cementa una società. I valori stanno nei bei gesti, e quello della carità, senza pretese, è tra il massimo dei valori, che apre i cuori e le menti.
Non scordiamoci neanche di San Corrado! Lui, come cristiano converito e devoto, ha dato a tutti, in Vita e in Morte possiamo dire, perpetuo esempio di carità gratuita con i suoi miracoli.

E quindi tra coloro che in modo volontario opereranno per il bene delle persone bisognose della Città di San Corrado, ci saranno anche i Portatori di San Corrado ed i Portatori dei Cilii.
Un altro passo avanti, grande e lodevole, come quello già esistente e importantissimo della Mensa dei Poveri, per garantire anche un pasto caldo a tanti che ne hanno bisogno: San Corrado è il Santo del Pane Caldo e la gente devota e fedele di Noto lo sà bene e per questo fioriscono queste ottime iniziative a beneficio di famiglie, bambini, anziani, singoli che fanno a pieno titolo parte della città e del suo territorio.
L'umanità vince sempre: e dal punto di vista laico, non scordiamo che se San Corrado è scritto nella sua Vita che arrivò a Noto perchè gli dissero che lì erano le migliori genti di Sicilia, qualche secolo dopo la Città di Noto fu insignita di un titolo prestigioso: Città Ingegnosa!
E tutto questo la dice lunga su questa Val di Noto stupenda.
 
 

SAN CORRADO


IL LUOGO PRINCIPE DELLA DEVOZIONE
L'ALTARE E CAPPELLA IN CATTEDRALE
A NOTO

Qui si conserva dentro all'ARCA d'argento il Santo Corpo del Patrono e l'altro luogo Principe della devozione fedele è la GROTTA nel Santuario

Non dimentichiamoci mai del Nostro Amato Protettore San Corrado Confalonieri
nato a Calendasco di Piacenza nel 1290 e morto a NOTO il 19 febbraio 1351.
S. Corrado era un terziario penitente francescano che a Noto visse da eremita nella grotta che si trova nel Santuario a 7km dalla Città nella località S. Corrado di Fuori.
Noto venera, ama, protegge e si affida a San Corrado da sempre: cioè da quando giunse in Sicilia a Noto nel 1343 e da allora e dopo la sua santa morte e da sempre e per sempre è venerato dal popolo devoto e fedelissimo!

Cattedrale di NOTO - La cappella di SAN CORRADO CONFALONIERI

PREMIO SICILIANI NEL MONDO 2019


IL TESTO DELL'ARTICOLO DI CARMELO SCIASCIA
SU ILPIACENZA




A Caravaggio quest’anno consegnato Il Premio Proserpina ad Umberto Battini - Blog

Diversi anni addietro, mi viene difficile dire esattamente quando, visto che ogni anno che viviamo, il tempo sembra accorciarsi, ricordo di avere visto e letto una intera pagina del giornale Libertà dedicata a San Corrado. 
Di San Corrado sapevo che era il Santo Patrono della città di Noto per esservi stato, in quell’angolo del siracusano, per visite parentali e poco altro. Era un articolo ben costruito, dove venivano date tante notizie sulla storia del Santo. E, con le notizie del Santo, venivano elencati i suoi rapporti con il territorio piacentino, dalla nobile famiglia dei Confalonieri al castello di Calendasco. L’articolo era firmato da un certo Umberto Battini. 

Passato qualche anno, mi trovo quasi occasionalmente ad essere presente al VI Convegno Nazionale di studi corradiani: era il 20 giugno del 2015. Calendasco, salone del Municipio, il tema: “Considerazioni storiche sui luoghi, i documenti ed il culto di San Corrado”. Credo che a farmi partecipare al convegno sia stato l’amico poeta Claudio Arzani che di quell’incontro ne era il moderatore. L’intervento che maggiormente mi aveva colpito era stato proprio quello di un certo Umberto Battini.

Documenti alla mani il Battini ci fa partecipe delle sue scoperte, come il possesso da parte della famiglia Landi del feudo di Curmaracchia in Val di Noto (1296), la probabile partecipazione di Corrado Confalonieri all’assedio di Soncino (1313), i festeggiamenti avvenuti a Calendasco il 19 febbraio 1912 alla presenza di tre vescovi. Ecco fu così che conobbi l’Umbe! 
Fu a causa sua, a causa della curiosità che riuscì a provocare con il suo intervento, se il due agosto di quello stesso anno mi ritrovai a Noto per un evento eccezionale: la traslazione delle reliquie di San Corrado. Era l’anno 2015, anno del Giubileo. 

Nella processione intravedo, tra i portatori dei “cilii” (particolari ceri votivi), vestito come loro, maglia color porpora, nastrini colorati e fascia d’ordinanza, proprio l’Umberto. Fu una notte stupenda, una processione che partita in piena notta dalla Cattedrale di Noto giunse, dopo varie soste, al Santuario nella frazione “di Fuori”. 
Noto rappresentava quella notte la Sicilia come metafora di una globalizzazione culturale non solo tra Nord e Sud d’Italia, ma una globalizzazione dove gli elementi pagani si fondevano e confondevano in una splendida manifestazione religiosa.

Ci siamo rivisti, qualche anno dopo, ad una mia mostra di pittura che tenevo nei locali dello Spazio d’Arte Espositivo di via Sant’Ilario a Piacenza. L’Umbe, mentre si guardava intorno, non vedeva i miei quadri, ma pensava a qualcos’altro. Pensava alle sue ricerche, ai documenti che aveva trovato nelle sue continue escursioni d’archivio, tant’è che mi propose di organizzare una mostra di documenti storici riguardanti proprio la figura di San Corrado.

Piacenza ha ignorato San Corrado fino al seicento, Noto lo ha da sempre venerato. Così può essere detto per gli studi sul Confalonieri, c’è un prima ed un dopo Battini. C’è quello che si sapeva prima e quello si è saputo dopo che Umberto, da studioso, da ricercatore, ci ha mostrato sulla vita di San Corrado.

Qualcuno avrà sicuramente dormito in qualche grotta: per necessità, far fare una particolare esperienza primitiva, da esploratore, da semplice curioso.
Nessuno credo, per libera scelta, abbia mai dormito in una grotta dove ha vissuto ed è morto un Santo Eremita. Ebbene anche questa è stata un’esperienza vissuta dal nostro Umberto, con devozione, con compassione, per vivere e condividere il modello di vita che si era dato San Corrado.
Da Calendasco dove tutto è iniziato, siamo andati a Noto, il giardino di pietra, palcoscenico barocco più che città; da Noto torniamo a Piacenza, anzi no. A Caravaggio.
Non tutti sanno, ma nella città che ha dato i natali al grande pittore Caravaggio, città dove sorge un imponente Santuario, si trova anche un antico Palazzo comunale. 
Nel Salone d’Onore di questo magnifico Palazzo, domenica 14 aprile si è tenuta l’adunanza dei Siciliani d’Italia che in occasione della XVII edizione del Premio Proserpina, ha premiato il piacentino (di Calendasco) Umberto Battini .
Gli interventi che si sono susseguiti l’incontro hanno sottolineato il contributo dato dei siciliani nel mondo, alla valorizzazione del Patrimonio artistico, storico ed umano della terra di Sicilia.

Battini ha ricevuto il premio dalle mani del Sindaco di Caravaggio per i suoi studi, ricerche e pubblicazioni su San Corrado.
Nella motivazione viene ricordato come la terra siciliana di Noto e quella piacentina, con Calendasco sono indelebilmente unite proprio da questo grande Santo Eremita francescano. 

Testualmente la motivazione così recita: “A Umberto Battini cultore e studioso della Famiglia Confalonieri di Calendasco e Piacenza e tra i biografi moderni di San Corrado Confalonieri Patrono”.
Grazie “Umbe”, come ti ha già scritto il Direttore, per i tuoi studi su San Corrado, per la tua sincera devozione al Santo, per i tuoi articoli.
Amen!





Potrebbe interessarti: http://www.ilpiacenza.it/blog/liberta-di-pensiero/a-caravaggio-quest-anno-consegnato-il-premio-proserpina-ad-umberto-battini.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/ilPiacenza.it

OSPEDALE DI NOTO


In questo APRILE 2019 a NOTO la gente sta lottando per mantenere aperti nell'OSPEDALE della città i reparti di Ginecologia e Ostetricia.
Questo smantellamento è il segnale che questo ospedale sia da ridimensionare, togliendo ai cittadini ed al bacino immenso di gente che qui trova cure, un diritto civico e creando un  disagio immenso.
Si pensi agli anziani! Ma non solo!
Noto non è solo un luogo di Turismo, è una città vera e propria, non scordatelo, la medaglia ha sempre due facce !



IL RICORDO DI MONS. GUASTELLA


STORICO DELLA CITTA'
E DIOCESI DI NOTO
Deceduto all'età di 93 anni e 70 di sacerdozio
il 5 dicembre 2015

Sul giornale cattolico La Vita Diocesana di Noto è apparso sul n.20 del 23 dicembre 2018 a pag. 11 un articolo a ricordo di mons. Salvatore Guastella, insigne sacerdote e grandissimo storico.
Pubblicò oltre 150 studi di divulgazione storica e in primis i suoi studi su San Corrado del quale era devotissimo!
Uomo di grandi qualità spirituali, pastorali, culturali e umane.

Noto dal punto di vista storico-culturale deve veramente tanto a questo saggio sacerdote, orgogliosamente netino e sempre pronto all'ascolto ed al dialogo col prossimo.

Fedele e devoto di San Corrado, mons. Guastella aveva in grande considerazione le due Società dei Portatori dell'Arca e dei Portatori dei Cilii.
Un uomo entrato a pieno titolo nella storia della città di Noto.












NOTO


Momenti della Processione di San Corrado
del 3 marzo 2019

Foto di Luigi Beltrami / Noto 



OTTAVA PROCESSIONE


UNA IMMAGINE CHE RIASSUME
L'AMORE DEL POPOLO DI NOTO
PER SAN CORRADO

 

OTTAVA 2019


NOTO - DOMENICA 3 MARZO
Omaggio floreale alla STATUA di SAN CORRADO
nella piazza della Cava al SANTUARIO

Con ritrovo alla piazza Don Orione a S. Corrado di Fuori si è svolta la processione che ha portato all'omaggio floreale al patrono e poi è seguita, nella Grotta Santa dentro al Santuario, la santa messa.
Erano presenti devoti e fedeli oltre ai Portatori dell'Arca e i Portatori dei Cilii.
Un momento molto bello e toccante, perchè Noto vanta due stupende statue di San Corrado, appunto una a Noto città ed una all'ingresso del Santuario nella Valle dei Pizzoni.
Al pomeriggio alle ore 17.00 poi si è tenuta la Processione dell'Ottava, tanto attesa in questo anno perchè la Processione del 19 febbraio non si era potuta tenere in segno di vicinanza e lutto per il fatale incidente che aveva tolto la vita a due giovanissimi ragazzi di Noto.

foto Corrado Lauretta - i due Presidenti Portatori dell'Arca e Portatori dei Cilii di Noto

foto Corrado Lauretta - I fedeli delle due Società di San Corrado nella Grotta del Patrono

 

LIBRO U N I C O

Nell'attesa del NUOVO VOLUME di STUDI CORRADIANI
questo volume rimane un RIFERIMENTO UNICO
con l'altro libro S. Corrado Confalonieri il Cercatore di Dio
 


CALENDASCO

PATRONALE
DI SAN CORRADO
CONFALONIERI



E' stato festeggiato il Patrono di Calendasco, San Corrado, nella giornata di martedì 19 febbraio 2019, con una solenne cerimonia.
Ed ancora è stata grande festa in chiesa anche domenica 24 febbraio, con tanti calendaschesi presenti e anche un gruppo di siciliani e netini residenti al nord. Alcuni dopo il brindisi fatto a fine cerimonia nel cortile della casa canonica di fianco alla chiesa, sono tornati verso le loro destinazioni mentre altri si sono ritrovati per un momento di conviviale festa ed un buon pranzo con tanto di musicista siciliano che ha allietato il momento.

la RELIQUIA di Calendasco foto UB

Tra di loro il Presidente degli Italiani nel Mondo dott. Pietro Paolo Poidimani, il Presidente dei Netini nel Mondo dott. Giuseppe Conac, il Presidente della Associazione Sicilia Tirrenica - Isole Eolie ing. Tino De Luca, e poi p. Pino Neri del TOR Francescano ed Umberto Battini studioso di S. Corrado e storico locale, oltre ad altri graditi ospiti.
Presente alla cerimonia in chiesa anche il Sindaco di Calendasco Francesco Zangrandi che ha offerto il cero a nome di tutta la comunità e presenti autorità militari.

Ha celebrato il parroco don Fabio Battiato, concelebrante p. Pino Neri ed un diacono, e sono stati anche benedetti i Panini di S. Corrado che ricordano il miracolo che il Patrono commpiva nella grotta di Noto! A fine messa è stato intonato l'Inno di San Corrado ufficiale, quello che viene cantato anche a Noto e che nel paese viene intonato dal 1955 quando fu "importato a Calendasco" dal parroco del tempo don Federico Peratici.


Da 402 anni il Santo Eremita è Patrono del paese a due passi dal fiume Po e ancora sono lì i monumenti simbolo della sua vita, cioè il castello dei Confalonieri ove nacque nel 1290 e anche il piccolo convento-ospedale che lo accolse dopo il danno dell'incendio nel 1315!
La chiesa è arricchita di memorie al Patrono, due grandi tele antichissime, l'affresco absidale e la Reliquia Insigne che viene venerata e onorata dai fedeli.



PONTIFICALE NOTO


IMMAGINI DALLA DIRETTA WEB
S. MESSA DI SAN CORRADO
martedì 19 febbraio 2019 Cattedrale




Per approfondire

  • visita www.araldosancorrado.org
  • Questo Blog e' un prodotto amatoriale e non editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7 marzo 2001
  • Segnalate i vostri commenti, suggerimenti, idee
  • Per informazioni devozionali e storiche sul Santo Corrado potete contattare la mail penitente@alice.it
  • Usate liberamente foto e testi ricordando di segnalare il sito da dove proviene il materiale
  • L'Araldo di San Corrado è il Collegamento Devozionale Italiano dei Devoti e Fedeli del Santo piacentino morto a Noto il 19 febbraio 1351 e nato in Calendasco (Piacenza) nel 1290