la tela di Calendasco e quella siciliana
abbiamo provato a 'dipingere' un cielo azzurro
per poter meglio confrontare i due dipinti
notate le piante, i tipi di cespuglio, il verde,
i volti, le mani ed i piedi, molto somiglianti


cliccate sulle immagini per ingrandirle
e poter fare un raffronto




L'abito dei penitenti

Nella bellissima pittura del Vincenzo da Pavia del 1549 San Corrado è vestito dell'abito proprio dei penitenti terziari francescani: infatti indossa il guarnello o altrimenti detto piacentino (la tonaca) ed il paludellum (il mantello), ha una corda ai fianchi e sul capo il caliendrum il berretto proprio così come già nel 1281 si legge negli Atti del beato Tomasuccio da Poppi.
A Piacenza si svolse nel 1280 una riunione grandissima dei Terziari.


Per approfondire

  • visita www.araldosancorrado.org
  • Questo Blog e' un prodotto amatoriale e non editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7 marzo 2001
  • Segnalate i vostri commenti, suggerimenti, idee
  • Per informazioni devozionali e storiche sul Santo Corrado potete contattare la mail penitente@alice.it
  • Usate liberamente foto e testi ricordando di segnalare il sito da dove proviene il materiale
  • L'Araldo di San Corrado è il Collegamento Devozionale Italiano dei Devoti e Fedeli del Santo piacentino morto a Noto il 19 febbraio 1351 e nato in Calendasco (Piacenza) nel 1290