VISITE AL SITO WEB AL 6 settembre 2022 n.105.003 LETTURE TOTALI

RESTAURO SANTUARIO DI NOTO

INIZIATI I LAVORI
LA FACCIATA SOTTO UN ACCURATO RESTAURO

Una bella notizia per tutti i fedeli di San Corrado di Noto e nel mondo: restauro del Santuario posto fuori le mura. Intanto sulla facciata sono apparsi i ponteggi per svolgere il lavoro di restauro, una bellissima notizia perchè qui nel Santuario si conserva "la Casa" di San Corrado: la sua santa grotta!

nella foto da facebook, la facciata pronta per il restauro (foto dell'ottobre 2022)

1608 UN FATTO

AFFIDARSI A SAN CORRADO
LE FONTANE DI NOTO

Leggiamo di questo prodigio, traendolo dalla Vita di San Corrado scritta dal Parisi, edizione 1984, alla pag. 157.

Fidarsi e affidarsi al Patrono!

Per ogni motivo serio e importante anche comunitario! Anche fuori dai tempi delle Feste! Questa è storia, leggiamola.

Nel 1608 i Netini passarono ore di grande trepidazione.

Era allora la città, nei siti più bassi, ricca di fontanelle d’acqua sorgiva, della quali una, detta “Fontana Grande”, mandava acqua tanto abbondante da essere bastevole al lavoro di ben diciotto molini.

All’improvviso un giorno – non si sa per quale strano fenomeno - nessuna delle fontane dava più acqua.

La cittadinanza ne fu allarmatissima e dopo lunghe ore di ansiosa attesa decise di fare ricorso alla protezione del suo S. Corrado.

Venne condotto in processione di penitenza il sacro suo corpo tra molte lacrime e preghiere; la grazia sospirata da tutti non si fece molto attendere: le acque, che erano completamente scomparse, dopo ventiquattro ore tornarono a fluire dalle fontane abbondanti come prima.

PAPA URBANO VIII ANNO 1625

LA BOLLA DI URBANO VIII “DOMINI NOSTRI JESU CHRISTI” DEL 12 SETTEMBRE 1625

Il 12 settembre 1625, Urbano VIII emanava la Bolla "Domini Nostri Jesu Christi", con la duale veniva accolta la supplica del Ministro Generale dei frati minori cappuccini, di poter celebrare con rito semidoppio la festa di San Corrado, "Tertii Ordinis eiusdem S. Francisci dum vixit professorem".

Ministro Generale dei frati minori cappuccini era allora fra Giovanni Maria da Noto e prima di lui era stato un altro netino, fra Clemente da Noto? Non e difficile vedere in questa richiesta l’affiorare della tradizione secolare della cittadinanza di Noto sull’appartenenza di San Corrado al Terzo Ordine francescano.

Il motivo addotto dai richiedenti, come desumiamo dalla bolla era che essi desideravano immensamente di poter recitare l’ufficio di San Corrado, per accendere sempre più la devozione verso questo santo, professo, in vita, del terzo ordine dello stesso padre San Francesco.

La risposta del papa non si fece attendere e superò i limiti della stessa richiesta. Come leggiamo nella bolla, egli ritenne lodevole tale desiderio e, dopo aver sottoposto la domanda al Consiglio dei Cardinali preposto ai sacri riti, concesse non solo ai frati minori cappuccini, ma a tutti e singoli i religiosi della famiglia francescana dovunque esistenti di poter celebrare in perpetuo la festa di San Corrado, con rito semidoppio. 

I terziari regolari, avendo con San Corrado una parentela più stretta, presero a celebrare la sua festa con un rito superiore, il doppio maggiore, e a dipingere la sua immagine nelle loro chiese, con un abito cenerino ed il cappuccio "utrinque angulare", come si puo vedere nella basilica romana dei santi Cosma e Damiano, sede principale de|l’ordine.

Con questa bolla, veniva definitivamente consacrata I’appartenenza di San Corrado al Terzo Ordine di San Francesco. Data l’evidenza del fatto, nessuno si pose mai il problema deIl’effettiva appartenenza di Corrado a questa famiglia francescana, nèall ora ne poi.

Quali argomenti possono aver indotto Urbano VIII e il Consiglio dei Cardinali preposti ai Sacri Riti ad estendere la festa di San Corrado a tutti i conventi francescani del mondo, riconoscendo così esplicitamente la sua appartenenza al terzo Ordine di San Francesco?

Sarebbe antistorico il voler tacciare di leggerezza Urbano VIII e con lui il Consiglio dei Cardinali, per aver voluto ampliare il culto del Beato Corrado, finora limitato alla Sicilia e alla città di Piacenza, fino a raggiungere gli innumerevoli conventi e chiese francescane, sparsi per ogni dove nel mondo, trattandosi per giunta di un Beato o di un Santo, che era tale senza una formale canonizzazione pontificia, ma per un equipollente decreto emesso da un vescovo su commissione papale. 

Urbano VIII e rimasto celebre nella storia della Chiesa, proprio "per aver indirizzato la procedura canonica della canonizzazione a quella sicurezza e austerità che vige tuttora". Per giunta la data della bolla "Domini Nostri Jesu Christi", 12 settembre 1625, si trova proprio a cavallo tra le date del 16 marzo e del 2 ottobre 1625, che videro la promulgazione di due decreti della Sacra Inquisizione in materia di culto, con i quali Urbano VIII vieto d’un colpo ogni culto ecclesiastico nuovo; anzi d’allora in poi l’esistenza di tale culto recente doveva costituire un impedimento sulla procedura canonica"’.

Sotto il suo pontificato nessuna canonizzazione fu fatta e neppure sotto il pontificato del suo successore Innocenzo X, fino ad Alessandro VII, che ne celebrò una nel 1658.

Perchè dunque questa eccezione per il nostro Corrado? 

Ouali possono essere stati gli argomenti che indussero Urbano VIII e il Collegio dei Cardinali ad avallare l’appartenenza di San Corrado al Terzo Ordine di San Francesco, tanto da estendere il suo culto a tutti i francescani del mondo, in tempi assolutamente contrari alla proliferazione dei culti?

Evidentemente il complesso delle prove deve essere apparso ai loro occhi così probatorio, da escludere ogni ragionevole dubbio. In che cosa sarà consistito tale complesso di prove? È quello che ci accingiamo a fare, esaminando con occhio critico i documenti riguardanti San Corrado, a partire dalla sua morte.

testo tratto dal libro

SAN CORRADO CONFALONIERI

EREMITA TERZIARIO FRANCESCANO

di Gabriele Andreozzi

editrice ALVERIA - Noto 1993 alle pp. 23-25

PROCESSIONE OTTAVA 2022

TRA UNA FOLLA DI FEDELI
LA PROCESSIONE DI S. CORRADO
Migliaia di devoti alla Festa agostana
 
Domenica 4 settembre dell'anno 2022 alle ore 19.00 la Processione.
Noto ha travolto di affetto e venerazione l'Arca con le spoglie del Santo Patrono.
Migliaia di devoti, centinaia di Cilii, decine di Portatori dell'Arca.
Nessuno ha voluto mancare alla processione dell'Ottava, quella che chiude i festeggiamenti estivi. San Corrado ritornerà tra la sua gente netina e devota per la Festa del Dies Natalis del 19 febbraio del 2023.
Il Santo Patrono, nativo in carne e abito penitenziale, a Calendasco in terra piacentina, ha attraversato la Città di Noto, piano alto e basso, con le due processioni.
Immancabili i "giri dei Cilii" ad onorare S. Corrado. 
I Portatori dell'Arca come sempre hanno portato con energia e forza l'imponente vara.
Alcune immagini da facebook

 

 

 



OTTAVA 2022

DOMENICA 4 SETTEMBRE
L'OTTAVA DI SAN CORRADO
Processione da piazza don Orione poi Omaggio Floreale e Santa messa in Santuario
 
Portata in processione dalla piazza don Orione la statua del Santuario, quindi l'Omaggio floreale alla statua imponente che è nella piazza della cava ed a seguire la solenne santa messa al Patrono.
Tanti i fedeli e devoti presenti, oltre ai Portatori dell'Arca e ai Portatori dei Cilii.
Presente anche il sindaco della città di Noto.
La banda musicale cittadina ha animato i momenti devozionali prima della messa in santuario.
Nel pomeriggio a Noto la grandiosa processione di S. Corrado dell'Ottava.
fotografie da facebook/don Eugenio Boscarino Rettore del Santuario di Noto



 

 
 
 


SAN CORRADO IN PROCESSIONE

UNA FOLLA ENORME
L'ARCA DI SAN CORRADO
RITORNA TRA LE STRADE DI NOTO

Migliaia di fedeli alla processione di domenica 28 agosto
 



 



STATUA ALL'EREMO

LA STATUA DI SAN CORRADO
PRESSO L'EREMO




CALENDARIO 2023 PORTATORI DI SAN CORRADO

E' DISPONIBILE A NOTO
IL NUOVO CALENDARIO PER L'ANNO 2023
DEDICATO AL PATRONO

Da questa settimana che precede la Festa Patronale estiva, presso la sede dei Portatori di San Corrado è possibile acquistare il calendario per il prossimo anno.
Con bellissime fotografie ovviamente dedicate tutte al Patrono ed ai festeggiamenti.
Tutto il ricavato sarà devoluto in opere di beneficenza.
 

TRASLAZIONE 2022

L'ARCA DALLA SUA CAPPELLA
ALL'ALTARE MAGGIORE 
IN CATTEDRALE A NOTO
Sabato 20 agosto 2022 

Con mezz'ora di anticipo sull'orario stabilito nel programma ufficiale distribuito ai fedeli di Noto, si è svolta la Traslazione solenne dell'Arca di San Corrado Confalonieri Patrono di Noto e di Calendasco.
Ecco alcune immagini prese dalle dirette facebook del momento



DISCESA ARCA 16 AGOSTO 2022

DI NUOVO VISIBILE
E' LUI IL SANTO PATRONO
SAN CORRADO
 
Dopo due anni finalmente una discesa dell'Arca come si conviene. Con i fedeli accorsi a centinaia. Ed era una cosa ovvia e prevedibile, perchè San Corrado mancava alla vista da tempo e a Noto l'attesa era tanta.
Nella foto - presa da facebook - ecco quando San Corrado è disceso tra la sua gente.
Mentre si cantava a ripetizione l'Inno e a ripetizione partiva l'urlo di saluto!
 

NOMINA ASSISTENTE PORTATORI DEI CILII

CON IL DECRETO 
reso nella giornata dell'Assunta del 15 agosto 2022 a NOTO
l'Amministratore Apostolico della Diocesi di Noto mons. Antonio Staglianò ha fatto nuove nomine pastorali tra le quali a decorrere da subito, la nomina di DON EUGENIO BOSCARINO quale Assistente Spirituale della Associazione PORTATORI DEI CILII E FEDELI A SAN CORRADO 
 
Un augurio va a don Eugenio Boscarino, che è già Rettore del Santuario di San Corrado fuori le mura di Noto.
 

PELLEGRINAGGI NOTTURNI 2022

I DEVOTI ED ALCUNI COL VIAGGIO SCAUZO
SEGNO DELL'AMORE AL PATRONO 
 
VENERDI' 26 AGOSTO
pellegrinaggio notturno dei devoti di San Corrado che arrivano a piedi nella notte da PACHINO
dalle ore 3 circa e alle ore 5 santa messa in cattedrale
SABATO 27 AGOSTO
pellegrinaggio notturno dei devoti di San Corrado che arrivano a piedi nella notte da ROSOLINI
dalle ore 3 circa e alle ore 5 santa messa in cattedrale

PROGRAMMA 2022 ESTATE


RACCOLTA ALIMENTARE 2022

ECCO QUANTO SI E' RACCOLTO
GRAZIE ALLA GENEROSITA' DEI NETINI
Nell'attesa delle Feste corradiane

Anche sabato 6 agosto dell'anno 2022 è stata fatta la raccolta di cibo nel nome di San Corrado il Patrono a Noto.
E in netini sono stati generosi: donati ben kg.1953 di generi alimentari che poi saranno distribuiti a chi ne ha bisogno.
Un gesto di cuore, un gesto generoso che siccome è fatto nel nome di San Corrado ha un valore doppio.
Grazie ha chi ha donato qualcosa e grazie ai volontari tutti, uno per uno.
 

 
 
 

20 AGOSTO TRASLAZIONE

INCONGRUENZE
E IL SACRO DOVREBBE PREVALERE SEMPRE
Perlomeno per la Curia Vescovile
 
Incongruenza nel vocabolario significa mancanza di coerenza logica!
E' la parola giusta per il caso giusto.
Infatti sabato 20 agosto 2022 alle ore 19 in cattedrale a Noto ci sarà la Traslazione dell'Arca con le spoglie di S. Corrado Confalonieri, il Patrono, dal suo altare a quello maggiore, là in bella vista, esposto all'amore dei netini fedeli e devoti e non solo. E' scritto  nero su biaco nel manifestone del programma ufficiale della festa e con Santa Messa !
Ma la piazza del Comune ospiterà il concerto della ottima e bravissima cantante sicula Carmen Consoli. E fin qui tutto bene. Ci sta eccome.
L'unica incongruenza è che la piazza e la scalinata davanti alla cattedrale, che è usata come platea del pubblico pagante del concerto, sarà chiusa per le prove dei musicisti e per fatti logistici ovvi.
Tutto preventivamente concordato tra enti Civici, Religiosi e organizzativi del buon evento rock.
Quindi ci si domanda: come mai in quell'ora, per quell'evento sacro religioso con la Santa messa in cattedrale relativo a S. Corrado si è scelta una data ed un  orario  che inficerà molto circa la logistica delle persone devote che andranno in cattedrale, in massa?
Non si poteva organizzare la Traslazione dell'Arca del Patrono il giorno prima? O in altro momento adatto? Senza intralci tra sacro e profano?
Come diceva un comico "Ai poster l'ardua sentenza".
E vedrete che non ci saranno ne scuse per la "clamorosa svista" ne altro.
Ma la responsabilità della Curia Vescovile c'è tutta, anche se in buona fede, ci mancherebbe altro, beneficio del dubbio a tutti.
Due domandine noi ce le faremmo!
 


Per approfondire

  • visita www.araldosancorrado.org
  • Questo Blog e' un prodotto amatoriale e non editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7 marzo 2001
  • Segnalate i vostri commenti, suggerimenti, idee
  • Per informazioni devozionali e storiche sul Santo Corrado potete contattare la mail penitente@alice.it
  • Usate liberamente foto e testi ricordando di segnalare il sito da dove proviene il materiale
  • L'Araldo di San Corrado è il Collegamento Devozionale Italiano dei Devoti e Fedeli del Santo piacentino morto a Noto il 19 febbraio 1351 e nato in Calendasco (Piacenza) nel 1290